Tre domande per un finalista: SISTEMA INTEGRATO DI PROTEZIONE CEREBRALE

Neuron Guard è una start-up innovativa, finalista del #premiomarzotto, che sviluppa un sistema integrato di protezione cerebrale in caso di danno acuto. Offre ai pazienti un trattamento per ridurre la gravità delle lesioni nervose in seguito a ictus, arresto cardiaco o trauma cranico grave utilizzabile già sul luogo dell’evento. Si compone di un team multidisciplinare, formato da giovani professionisti in ambito medico ed economico-gestionale, pronti ad affrontare una delle sfide più importanti della Medicina d’Emergenza.

- Quanti siete nel team e quali sono le vostre professionalità?

Il team si compone di tre figure professionali:

-          Enrico Giuliani, CEO: medico specializzato in anestesia e rianimazione, con esperienza in sala operatoria, rianimazione e soccorso extra-ospedaliero, ideatore della soluzione e fondatore della start-up.

-          Giorgio Faustini: ingegnere biomedico e MBA in Business Administration, agente di cambio per note aziende internazionali attive nel settore della diagnostica per immagini.

-          Mary Franzese: laurea in Economia Aziendale e Master in Imprenditorialità e Strategia Aziendale, con esperienza biennale nella direzione di una cooperativa erogante servizi ai centri di riabilitazione.

- Età media?

29 anni.

- Qual è il sogno della vostra impresa?

Neuron Guard sogna di offrire ai pazienti colpiti da danno cerebrale acuto la possibilità di migliorare non solo la sopravvivenza ma anche e soprattutto la qualità della vita, riducendo l’impatto di questa patologia sulle famiglie e sul sistema sanitario.

Comments are closed.