PREMIO SPECIALE UNICREDIT – PREMIO IMPRESA DEL FUTURO: MATERIKO

Materiko è un materiale innovativo, resistente, adattabile alle più diverse forme, realizzato con una tecnologia produttiva esclusiva ed ecosostenibile (non utilizzando pellami animali riduce il fabbisogno idrico, energetico e le emissioni tossiche), in sostituzione di pellami pregiati, pvc ed ecopelle, per prodotti dei settori moda e design.

Sede: MATERIKO Srl, Bologna.

Team

Paolo Cappelletti, fondatore, direttore creativo e R&S; architetto nel 2004 fonda lo Studio ZERO4 architecture&engineering e nel 2012 WALL Studio, collettivo di architettura.

Andrea Cornacchia, fondatore, CEO, laureato in Economia & Diritto con master in gestione d’impresa e diverse esperienze in ambito marketing, strategia, commerciale e reengineering.

Tecnologia/Prodotto/Servizio

La tecnologia proprietaria adottata permette la realizzazione di prodotti monomaterici delle più diverse forme e dimensioni (sino a 1,5 mt x 2,5 mt x 0,5 mt di spessore) grazie al controllo numerico in fase di distribuzione del materiale spruzzato su particolari superfici opportunamente elaborate secondo le necessità.
I prodotti realizzati possono differire per caratteristiche e prestazioni meccaniche ed estetiche: possono variare per densità, per resistenza meccanica (potendo inserire fibra di vetro nelle parti strutturali), ma soprattutto possono essere realizzate superfici estetiche soft touch di spessori ridotti, ma dalla grandissima resistenza all’usura, alla trazione, ai raggi UVA, antigraffio e a un livello di qualità di finiture delle trame superficiali e dei dettagli straordinario e impensabile con altre tecnologie.
La realizzazione di calchi al naturale su modelli di riferimento di qualsiasi materiale (pelle, ceramica, legno, etc.), consente la creazione di stampi di altissima precisione e dal costo contenuto per la produzione rapida e seriale del prodotto finito monomaterico.

Ricadute sociali e territoriali

Il progetto MATERIKO potrà generare ricadute positive sia sul breve che sul lungo periodo.
A livello di eco-sostenibilità non utilizzare pellami animali comporta un significativo risparmio idrico, energetico e di emissioni tossiche sia nell’aria che nelle acque (basti pensare all’impatto delle concerie).
A livello sociale e culturale, grazie ad un lavoro congiunto con i nostri clienti (primari marchi di abbigliamento), a cascata comunichiamo e influenziamo milioni di consumatori (sia aspirazionali che non), per una visione della moda eco-friendly e cruelty-free.
A livello di promozione del made in Italy grazie alla produzione interamente italiana, come tutti i nostri fornitori e partner, possiamo essere innovatori nella moda & design non solo a livello stilistico, ma a livello etico e tecnologico.
A livello occupazionale è previsto sin dall’inizio l’inserimento di due giovani professionisti full-time che aumenteranno anno dopo anno col crescere della start up.

Analisi del mercato

Partendo dal modello di business B2B si punta ad approcciare top brand della moda e del design di fascia alta per la produzione di articoli ed accessori moda ed arredamento. Le realtà in questione sono le principali griffe di lusso italiane e francesi, che presentano tutte alti fatturati e forte crescita e hanno mostrato sensibilità e interesse ad investire nella direzione dell’eco-sostenibilità ricercando nuovi materiali.
Il materiale competitor attualmente più utilizzato è il PVC, il quale però presenta grossi limiti in quanto tecnologia di largo consumo, con basso livello di resa del dettaglio, grammatura superficiale scadente al tatto, scarsa resistenza meccanica, all’abrasione ed ai raggi UV-A. Un altro è l’eco-pelle, composta da due materiali, non adatto però alla creazione di bassorilievi, che denota poca resistenza meccanica, si deteriora nel tempo e il cui processo produttivo in grande scala risulta inquinante.